Assistenti vocali: apriti sesamo. Bentornati nell’era della voce

Dai pulsanti di un tempo, agli assistenti vocali di domani: come cambiano le modalità con cui gli utenti interagiscono con gli edifici e cosa comporta per progettisti e installatori

In occasione del KNX days Massimo Valerii presidente dell’associazione KNX Italia ci ha spiegato cosa comporterà, dal suo punto di vista, la progressiva diffusione degli assistenti vocali nella casa del futuro. KNX è oggi uno standard mondiale, aperto, conforme alle principali normative europee e internazionali, che consente la gestione automatizzata e decentralizzata degli impianti tecnologici di un’ampia tipologia di strutture: edifici commercialiindustrieufficiabitazionilocali pubbliciscuole e altre ancora.

Il trend disegnato è facilmente individuabile, si va verso una progressiva semplificazione: se i device infatti potevano rappresentare un ostacolo, la voce torna a donare immediatezza al gesto, quasi come fosse un pulsante.

Lo scambio però dev’essere chiaro e consapevole, in cambio di semplicità e comodità si decide di dare tutti i propri dati a chi offre il servizio. Dal punto di vista tecnico non ci sono particolari ostacoli, bisogna però operare delle vere e proprie standardizzazioni in modo da conciliare le “astrazioni” degli informatici con le esigenze di chi opera nei cantieri.


CONTATTI

KNX Italia

In this article