Biorobotica e materiali a memoria di forma

L’intervento di Maurizio Follador alla giornata organizzata da SAES Group

Maurizio Follador, dottorando di ricerca presso la Scuola Superiore Sant’Anna, racconta alcune applicazioni delle leghe a memoria di forma nel campo della biorobotica. In particolare parliamo di due progetti europei di soft robotics, entrambi ispirati alla natura: Octopus e Araknes. L’obiettivo di Octopus, come dice il nome, è quello di creare un robot che riproduca i movimenti del polipo, caratterizzati da numerosissimi gradi di libertà. L’obiettivo di Araknes è invece quello di produrre robot microscopici (piccoli ragnetti robotizzati) finalizzati innanzitutto ad applicazioni medico-chirurgiche. QUI TUTTE LE SLIDE

Torna all’indice del convegno.

In this article