Chirurgia guidata dalla fluorescenza, il Policlinico di Milano fa da apripista

La tecnica sfrutta la fluorescenza di alcune molecole per dare una “nuova vista” ai chirurghi

Sfruttare la fluorescenza di alcune molecole, compatibili con l’organismo umano, per evidenziare strutture anatomiche che altrimenti non sarebbero individuabili a occhio nudo. Una “nuova vista” che aiuta i chirurghi a raccogliere informazioni preziose, ad aumentare la precisione durante gli interventi, a ridurre gli errori e a minimizzare le complicazioni post-operatorie per i pazienti. Di questo abbiamo parlato con il Professor Luigi Boni, Direttore di Chirurgia Generale al Policlinico di Milano, tra i primi in Italia ad applicare l’innovativa tecnica.

Il Professor Boni ci ha spiegato in che modo queste molecole interagiscono con l’organismo, in quali tipi di operazioni vengono utilizzate, i vantaggi della tecnica e le possibili future applicazioni, soprattutto nel campo degli interventi oncologici. L’obiettivo è quello di arrivare a praticare una chirurgia disegnata sul paziente, puntuale e meno aggressiva, la cosiddetta “custom made surgery”.

Guarda la videointervista!


CONTATTI

Chirurgia Generale
Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico
Sito
Mail (luigi.boni@policlinico.mi.it)

In this article