Gilles Clément, filosofo e giardiniere a Orticolario 2017

Garden Lignano “Ciclicità lunare”

Il premio “Per un giardinaggio evoluto 2017” è anche un riconoscimento alla visione sociale del “giardiniere planetario” francese

Orticolario 2017, venerdì 29 settembre è stato consegnato il premio “Per un giardinaggio evoluto 2017” a Gilles Clément, giardiniere, filososofo, scrittore di paesaggio, botanica e entomologia.
Dopo la formazione come ingegnere agricolo (1967) e come paesaggista (1969), si è dedicato alla creazione di parchi, giardini pubblici e spazi privati insegnando all’École Nationale Supérieure de Paysage di Versailles.

In queste immagini di Orticolario 2017, Gilles Clément e Moritz Mantero nel parco di Villa Erba e nello spazio “Moonlight Garden”

Clement e Mantero, Orticolario 2017

Il suo lavoro teorico e pratico di ricerca si è sviluppato in tre aree:

Il giardino in movimento
Il concetto nato dall’esperienza di giardino nella Creuse viene applicato allo spazio pubblico in Francia e all’estero a partire dal 1983. La prima pubblicazione su questo tema in Francia risale al 1991. La prima realizzazione in uno spazio pubblico avviene nel 1986 al Parc André Citroën di Parigi.
Il termine “giardino in movimento” rivoluziona l’idea classica di giardino, ponendo l’attenzione sulla “friche”, ovvero l’incolto. Si sviluppa così una lunga ricerca sui suoli incolti collocati ai margini delle strade, nelle zone abbandonate o dismesse, dove la natura si riappropria dello spazio costruito in degrado. Gilles Clément classifica questi residui come “Terzo paesaggio” e rivoluziona il modo di pensare il giardino tradizionale, lasciando che esso viva senza grande intervento umano. In questo modo non si modifica soltanto l’idea di pensare il giardino ma la stessa concezione di estetica.

 

Il giardino planetario
Un progetto politico di ecologia umanistica, un concetto portato all’attenzione del pubblico attraverso un romanzo, Thomas e il Voyageur nel 1996 e poi da una grande mostra nella Grande Halle de la Villette nel 1999 oltre che in numerosi studi tra cui Il giardino planetario di Shanghai, la Carta dei paesaggi di Vassivière in Limousin e Il giardino planetario, colloquio di Chateauvallon.
La visione di Clément  porta a immaginare il mondo come un grande “giardino planetario”. Dove ognuno, con il suo comportamento, con i suoi gesti, anche i più semplici, fa il mestiere di giardiniere.
Il giardiniere è “l’uomo simbiotico”, ovvero l’uomo in grado di restituire all’ambiente la totalità dell’energia che gli sottrae, come l’albero, le cui foglie, prodotte grazie all’energia solare, ritornano al suolo formandone il nutrimento.

Spazio Archiverde “Moonlight Garden .

Il terzo paesaggio
Il concetto sviluppato in occasione di un’analisi del paesaggio nel Limousin, definito come “frammento indeciso del Giardino Planetario” riguarda tutti gli spazi trascurati o non sviluppati considerati da Clément  come i principali paesi d’asilo per la biodiversità.
I parchi e le riserve naturali, le grandi aree disabitate del pianeta, ma anche spazi più piccoli e diffusi, quasi invisibili, come le aree industriali dismesse dove crescono rovi e sterpaglie o le erbacce al centro di un’aiuola spartitraffico… sono spazi diversi, accomunati solo dall’assenza di ogni attività umana e fondamentali per la conservazione della diversità biologica.

La premiazione

gilles1

 

 

Il riconoscimento a Clément connota il premio “Per un giardinaggio evoluto” con valenze di innovazione sociale, aprendo nuovi percorsi e nuovi ambiti di impegno agli operatori del settore. Temi quali la centralità dell’ambiente, il “senso” degli orti e dei giardini urbani, dei parchi e degli spazi verdi pubblici, il nuovo rapporto tra città e campagna, il ruolo “strutturale” delle piante nelle architetture urbane, sono divenuti di attualità nel nostro paese: Gilles Clément con le sue ricerche e con le sue realizzazion è stato un grande anticipatore di un dibattito che è ancora in corso.

 

 

 

 

 

Installazione di Alexandre Thomas

Alexandre Thomas

 Fotografie e testo di Carlo Maria Vella


 

CONTATTI

Gilles Clément

In this article