Il verde e il blu. Dialogo con Luciano Floridi

Dal grattacielo orizzontale della Fondazione Feltrinelli la presentazione del pamphlet scritto dal filosofo di Oxford: idee ingenue per migliorare la politica in una società matura dell’informazione

La presentazione del pamphlet Il verde e il blu edito da Formiche è stata un’ottima occasione per incontrare a Milano il professor Luciano Floridi, purtroppo, dato il poco tempo a disposizione, non siamo riusciti a intervistarlo, come Triwù però, vi proponiamo l’intero incontro e il testo con cui lo stesso Floridi presenta il suo pamphlet.

L’Italia ha bisogno di buone idee per una strategia politica di governo che valorizzi e promuova le sue potenzialità al meglio, non tanto come società post-industriale, ma come una società matura dell’informazione.

Il Paese sta uscendo da un lungo periodo di crisi, almeno per quanto riguarda l’economia, se non anche gli aspetti sociali (soprattutto nei termini della frattura del patto sociale, anche intergenerazionale, della riduzione e impoverimento del ceto medio, della minore mobilità sociale, e delle opportunità non sempre abbastanza paritarie), politici (soprattutto nei termini di crisi di fiducia nelle istituzioni, populismo e personalizzazione della politica) e culturali (identità nazionale, immigrazione, ruolo in Europa e nel mondo della globalizzazione).

In questa delicata fase di ripresa, non si tratta di essere originali a tutti i costi o di imitare altri Paesi, ma di riconoscere e trarre il massimo vantaggio dai punti di forza specifici delle tante italie che l’Italia contiene, riducendo al contempo i loro punti di debolezza, e soprattutto identificando gli ostacoli che non permettono queste due operazioni. Alla luce di questa strategia, l’augurio è che le idee ingenue contenute in questo pamphlet, offerte per migliorare la politica, possano essere di aiuto.

Luciano Floridi


CONTATTI

Allea Onlife communication

Formiche

In this article