La bottiglia edibile

Un mondo senza plastica è possibile, anche se molto futuribile

Su triwù, la web tv dell’innovazione, abbiamo già parlato di confezioni edibili e di packaging intelligente. Rodrigo Garcìa Gpnzàlez, Guillaumec Couche e Pierre Yves con Ooho stanno portando il processo alle estreme conseguenze arrivando a creare una bottiglia edibile.

Il materiale è composto da alginato di sodio e cloruro di calcio ed è una rielaborazione della pratica della sferificazione esaltata dallo Chef molecolare Ferràn Adrià. I designer stanno lavorando per “ingegnerizzare” il processo, ormai noto nel mondo della cucina, in modo da renderlo applicabile a settori industriali. Ad oggi la pellicola protettiva è ancora troppo fragile, ma se riuscissero a renderla più resistente raggiungerebbero un risultato straordinario.

In this article