La città delle persone. Diamo un’anima alla smart city

Agevolare la valorizzazione della partecipazione di cittadini e delle tante piccole realtà artigianali e imprenditoriali alla progettazione di smart city

Workshop “La città delle persone. Diamo un’anima alla smart city” a Smau Bari 2013. L’associazione Smart citizen opera nel territorio barese con un obiettivo molto preciso: agevolare la valorizzazione della partecipazione di cittadini e delle tante piccole realtà artigianali e imprenditoriali alla progettazione di città intelligenti, favorendo la loro funzione di attori del cambiamento. Queste azioni, ovvero lo sviluppo del protagonismo diffuso che il sociale può mettere in campo, sono una componente della progettazione smart city che deve essere valorizzato ed espanso molto di più di quanto sia stato finora. E c’è un dato importante da sottolineare: molte potenzialità delle tecnologie possono emergere solo se una vasta rete di comunità sociali diventa protagonista, con le proprie idee, della vita metropolitana. “Alle associazioni Smart City – dichiarano i gestori di Smartcitizen – partecipano grandi aziende , che portano loro punti di vista legittimi ma spesso schiacciati su infrastrutture, piattaforme software e hardware,  e megaprogetti difficilmente traducibili in servizi utili per la comunità. Smartcitizen vuole semplicemente partecipare al dibatitto avanzando proposte smart fatte da cittadini competenti, da produttori di innovazione pugliesi e delle PMI innovative regionali”.

L’associazione si propone alla Pubblica Amministrazione come uno strumento che può fornire competenze, proposte, organizzazione, a partire dalla considerazione che non è certo facile, per le strutture delle PA, soprattutto in anni come questi nei quali le ristrettezze finanziarie fanno sentire tutto il loro peso, riuscire a mettere in campo tutto il potenziale creativo e fattuale richiesto dalla progettualità per smart city.
Il seminario è dedicato a incontrare alcune di queste esperienze che l’associazione Smart Citizens  ha già raccolto, e a ragionare su ulteriori possibili sviluppi.

Torna a Smau Bari 2013

In this article