In questa pagina, una raccolta dei nostri servizi dedicati alla robotica e all’automazione su “Darwin – L’evoluzione della scienza” per Zelig TV

Su DARWIN abbiamo parlato di tantissimi temi: dalla fisica allo sport, dalle nuove tecnologie alla zoologia…
Non poteva mancare, ovviamente, tutto ciò che riguarda la robotica e l’automazione.

An-artists-impression-of-the-robot-manipulating-a-molecule.-Image-courtesy-of-the-University-of-Manchester.-e1507043117406Qui sotto trovate l’elenco linkato di tutte le puntate sul canale Youtube di Zelig dedicate a questi temi. Buon viaggio!

Catturasdffsdds

  1. Le evoluzioni dei nuovi robot: spesso vediamo video di robot che fanno strane mansioni… ed è anche questo il caso. Ma c’è un motivo! Per esempio, da come un braccio meccanico “impara” a girare una frittata si possono trarre utili conclusioni sul movimento che poi quello stesso robot andrà a compiere in operazioni molto più complesse e importanti. Lo sanno bene gli scienziati della Boston Dynamics che hanno implementato un umanoide in grado addirittura di fare dei salti all’indietro… Guarda il servizio dal minuto 7’56!
    Servizio a cura di Alessandro Isidoro Re


  2. 6a757006f1b748aa87709bbfa1a07ab4Macchine a guida automatica: uno dei sogni dell’uomo… le automobili che si guidano da sole. Ma quali vantaggi porterà davvero questa rivoluzione della mobilità? Forse si andrà verso un orizzonte più ampio, dove le macchine si trasformeranno in uffici mobili e ambienti di lavoro. Ce lo spiega Emanuele Spigola di STAHL dal minuto 1’00!
    Servizio a cura di Chiara Albicocco


  3. Un robot per l’archeologia marina: si chiama FeelHippo ed è un abile esploratore dei fondali marini. L’impiego di robot per questo tipo di operazioni ha innumerevoli vantaggi: dal risparmio di tempo alla maggior sicurezza. Ne abbiamo parlato con Francesco Fanelli di ISME – il Centro Universitario di Sistemi Integrati per l’Ambiente Marino – al minuto 0.36!adaaad
    Servizio a cura di Alessandro Isidoro Re


  4. (alter)Ego: il robot dell’Università di Pisa: un umanoide dalla duplice natura – controllato da remoto con un avatar o libero di esplorare zone pericolose in autonomia.fgdgd
    E’ un progetto di Danilo Caporale e Giorgio Grioli del Centro di Ricerche E. Piaggio di Pisa, al minuto 7.28!
    Servizio a cura di Federico Pedrocchi


  5. NEXT: motore elettrico e guida automatizzata: un nuovo mezzo di trasporto a metà tra l’autobus e il taxi… A Dubay, per EXPO 2020, sono già stati realizzati due moduli che si muoveranno in autonomia nel perimetro fieristico.dassdsd Vi mostriamo anche una concept car con l’innovativo sistema di ‘batterie Swap’, ovvero non più batterie elettriche che si ricaricano, ma che si sostituiscono al distributore di benzina. Ce ne parla Tommaso Gecchelin di NEXT al minuto 0.56!
    Servizio a cura di Chiara Albicocco


  6. Un robot sottomarino: Federico Pedrocchi intervista Andrea Caiti, del nodo ISME (Centro Interuniversitario di Sistemi integrati per l’Ambiente Marino) dell’Università di Pisa, sui veicoli subacquei autonomi, in grado di esplorare i fondali marini e fare rilevazioni ambientali. downloadI veicoli operano da soli o in gruppo, si scambiano informazioni sulla qualità dell’acqua e prendono decisioni in modo autonomo per compiere la missione. Vi aspettiamo al minuto 00.56!
    Servizio a cura di Federico Pedrocchi


  7. La fabbrica 4.0 di KUKA: in questa puntata vi portiamo a visitare uno zoo tecnologico con tanti animaletti innovativi: bracci robotici, macchine industriali, banconi da lavoro intelligenti e collaborativi.sdfdfsd Siamo andati nel nuovo centro iper tecnologico di Kuka alle porte di Torino. Kuka è una multinazionale tedesca leader nella costruzione di robot industriali e soluzioni per la cosiddetta Fabbrica 4.0. presente in quasi tutte le fiere dell’automazione SPS. Andate al minuto 8.46!
    Servizio a cura di Alessandro Isidoro Re


  8. Automazione e disoccupazione – parlano i datiLe macchine sottraggono lavoro agli esseri umani? Saremo prima o poi sostituiti dagli algoritmi e dai bracci robotici? Marco Taisch, docente di manifattura avanzata al Politecnico di Milano, è convinto che più automazione non significhi meno lavoro umano. industria-4-0_slider                         Al contrario, nei Paesi con elevato tasso di automazione, si registra una bassissima percentuale di disoccupazione. Nuove prospettive di occupazione sono all’orizzonte. Intervista al minuto 8.24!
    Servizio a cura di Alessandro Isidoro Re

 

 


CONTATTI

Boston Dynamics

STAHL

MareFuturo

NEXT

Centro di Ricerca E. Piaggio di Pisa

KUKA

SPS IPC Drives Italia

Politecnico di Milano

 

In this article