Premio Smart Communities Smau Torino 2015

Finalisti e vincitori del Premio: il video della premiazione

Il 30 maggio sono stati presentati i finalisti e i vincitori del Premio Smart Communities Smau Torino 2015, destinato a valorizzare le esperienze degli enti pubblici.

VINCITORI

Comune di Taggia – SMARTA, l’app per scoprire e vivere il territorio
Grazie a SMARTA il Comune di Taggia informa in maniera ‘smart’ e costante i propri cittadini sugli eventi culturali in programma e accompagna i turisti alla scoperta del territorio. Il progetto è stato sviluppato dall’Assessorato al Turismo con un gruppo di volenterosi e motivati cittadini che hanno realizzato una web app a costo zero, fruibile anche da tablet e smartphone, grazie alla realizzazione di una cross-platform. Nasce così uno strumento innovativo che include tutte le informazioni turistiche, gli eventi, le strutture ricettive, i ristoranti, gli stabilimenti balneari, i percorsi d’arte e il meteo inseriti in un’unica piattaforma gestita e aggiornata dagli amministratori comunali, dai cittadini, dai turisti e dagli esercenti stessi.

IREN – Internet delle Cose per misurare l’efficienza energetica nelle scuole
Il paradigma dell’Internet delle Cose per favorire una consapevolezza diffusa sui consumi energetici all’interno delle scuole: è questa la filosofia alla base del progetto EDEN – Energy Data Engagement.
La raccolta dati di alcuni sensori distribuiti e connessi a internet si integra con lo sviluppo di una serie di strumenti di controllo dei dati raccolti (app, siti internet, cruscotti digitali di analisi e gestione dei dati), la cui osservazione permette di favorire e abilitare un ruolo attivo degli studenti nella diffusione di una cultura della sostenibilità, facilitando la sperimentazione di pratiche di risparmio energetico.

Politecnico di Torino, iXem Labs – Verrua Savoia senza fili con il primo provider non profit
Risorse economiche limitate e infrastrutture inadeguate spesso compromettono l’accessibilità alle nuove tecnologie e incrementano il digital divide. A Verrua Savoia il laboratorio iXem Labs del Politecnico di Torino ha sperimentato una rete wireless a basso costo e ad alte prestazioni che ha permesso ai cittadini di una zona isolata dal punto di vista digitale di connettersi a prezzi contenutissimi e prestazioni molto competitive. Successivamente sono stati i cittadini stessi ad attivarsi per fondare il primo provider no profit. Un percorso virtuoso in continua evoluzione che ha garantito il pieno coinvolgimento della popolazione, la quale ha colto il valore del servizio e si è impegnata nella diffusione del nuovo linguaggio e della nuova tecnologia anche tra gli anziani e i bambini delle scuole.

SMAT – Punti Acqua smart per il territorio torinese
Il progetto IoTibevo di SMAT nasce per rispondere alle esigenze di monitoraggio e controllo dei punti di distribuzione dell’acqua di rete per uso alimentare, i cosiddetti ‘chioschi dell’acqua’. Nasce così un sistema di ‘monitoraggio intelligente’ attraverso sensori installati in ogni chiosco per ottimizzare gli interventi della rete idrica e per conoscere in tempo reale la qualità dell’acqua in tutta la rete, risparmiando tempi e costi di gestione. Ogni punto è, inoltre, munito di un sistema di videosorveglianza a distanza e di un servizio WiFi attraverso il quale l’utente, collegandosi all’App di SMAT può identificare il punto acqua più vicino a casa propria, verificandone anche quante persone sono in coda in quel momento.

Comune di Fossano – La città si mobilita per progettare il proprio futuro
Bellezza e partecipazione possono essere driver di sviluppo locale. Ne è convinta l’Amministrazione Comunale di Fossano che ha attivato una collaborazione con il Politecnico di Torino per la progettazione di interventi di rigenerazione e riqualificazione del Centro Storico. Grazie al progetto si supporta la riqualificazione degli spazi pubblici, migliorando la qualità della vita cittadina e si sollecita la partecipazione dei cittadini, in particolare dei giovani, alla progettazione e alla gestione degli spazi e più in generale della città. Si sviluppano in questo modo intelligenza collettiva, relazioni, capitale sociale, che rappresentano fattori di sviluppo e di crescita urbana.

FINALISTI

Consiglio Regionale Piemonte – Open street map: open data per la mappatura del territorio
OpenStreetMap è un progetto che punta a creare e rendere disponibili dati cartografici, liberi e gratuiti a chiunque ne abbia bisogno. Basandosi su tale piattaforma il Consiglio Regionale del Piemonte ha coinvolto geografi e sviluppatori nella mappatura del Piemonte.
Tale piattaforma consente sia ai cittadini sia ai tecnici di inserire dati sulle strade, sentieri, stazioni ferroviarie, quartieri cittadini e molto altro ancora. In questo modo, è stato accresciuto il patrimonio di dati geografici open disponibili su vari temi: dalla cultura ai trasporti, dalla sanità alle eccellenze enogastronomiche fino ad arrivare a informazioni di tipo turistico.

Comune di Grugliasco – Strategie digitali
“Grugliasco Città Digitale” è un progetto complesso che prevede allo stesso tempo interventi strutturali e sviluppo di nuovi servizi. La posa della banda larga, uno sportello virtuale per il disbrigo di alcune pratiche, una intranet innovativa per i dipendenti, un’App per il turismo e il potenziamento dei social network: sono solo alcuni esempi di un percorso progettuale pensato per il presente della città, ma soprattutto per il suo futuro.
E’ stato impostato un rinnovamento dei servizi puntando sulla comunicazione come fattore di coesione sociale e di integrazione, nonché di sviluppo del territorio.

Associazione Smart Cities Alto Piemonte – Un’Associazione per la promozione delle Smart Cities
L’Associazione Smart Cities Alto Piemonte stimola l’intero territorio a coordinarsi e ad agire di concerto nella costruzione di un futuro sostenibile e possibile per la comunità locale.
Si ricostruisce così la rete fondata su PMI locali, province e comuni per arrivare a coordinare una massa critica di enti e istituzioni in grado di coinvolgere circa 800.000 abitanti, acquisendo ‘peso’ a livello nazionale e internazionale. Tra le attività progettate ci sono la predisposizione alla raccolta di progetti di sviluppo territoriale e la partecipazione collettiva a bandi di finanziamento pubblici o privati, nazionali e europei.

Fondazione Montagna Sicura – Gestione intelligente delle valanghe
‘Start_It_Up’, State of the Art in Risk Management Technology è la Web Platform sviluppata dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta con la finalità di creare uno strumento tecnico di facile consultazione a supporto della Commissioni Locali Valanghe. La piattaforma facilita e standardizza la consultazione di tutti i dati messi a disposizione dall’Ufficio Neve e Valanghe dell’Amministrazione regionale, cataloga e archivia tutti i dati inviati dalla sensoristica e dagli altri sistemi di monitoraggio, fornendo un efficace e immediato supporto qualificato alle pubbliche amministrazioni che spesso si trovano a dover prendere decisioni immediate su situazioni critiche e pericolose per la comunità.

Comune di Genova – La mobilità del futuro
Il progetto Ele.C.Tra – Electric City Transport mira a incentivare l’uso degli scooter elettrici nelle aree urbane, mettendo in relazione domanda e offerta di mobilità sostenibile. La diffusione di questo tipo di mezzo di trasporto avrà effetti positivi sulla mobilità, sulla riduzione dell’inquinamento ambientale e acustico e, più in generale, sulla qualità della vita dei cittadini. Il Comune assume un ruolo di facilitatore creando le condizioni perché i servizi possano svilupparsi e favorendo accordi collaborativi tra i diversi attori che operano nel settore, dalla produzione, alla distribuzione, dalla fornitura di servizi di noleggio allo sharing con chiari vantaggi per l’utenza finale.

Comune di Pomaretto – Impatto zero e autosufficienza energetica
Efficientamento energetico per tutti gli edifici comunali: questo l’obiettivo raggiunto dal Comune di Pomaretto. Attraverso 1250 metri quadri di pannelli fotovoltaici e l’illuminazione pubblica a LED, il Comune risparmia circa il 50% sulle spese energetiche, copre così non solo il completo fabbisogno dei fabbricati comunali, ma immette nella rete elettrica l’energia prodotta dai pannelli, ricavando utili da spendere per altri interventi. Non ci si è limitati ad interventi sugli edifici, ma è stato attivato anche un percorso di eventi: il ‘termocamera tour’, una visita guidata, armati di termocamera, per poter verificare lo stato di salute degli edifici, dal punto di vista energetico e il conseguente progetto ‘PIÚ x MENO’, attraverso il quale verranno dati consigli e supporti tecnici per l’efficientamento e la ristrutturazione degli edifici privati.

Comune di Praloromo – Sviluppo locale grazie agli strumenti digitali
Il Comune di Pralormo rappresenta un ottimo esempio di come un piccolo comune possa utilizzare gli strumenti digitali a beneficio della cittadinanza e della aziende locali, stringendo collaborazioni e facendo rete.
L’esperienza digitale, che ha visto il coinvolgimento di due start up locali, ha portato a sviluppare un’app e un portale che offre pacchetti turistici per la promozione integrata delle aziende agricole e di trasformazione, dei ristoranti e delle strutture ricettive, delle manifestazioni florovivaistiche, sportive, culturali, escursionistiche, con ovvie ricadute sullo sviluppo del territorio.

Comune di San Salvatore Monferrato – La memoria del passato per progettare il futuro
Una raccolta di figurine dedicate agli abitanti del Comune, come strumento per avvicinare i cittadini alle nuove tecnologie e rafforzare il senso di appartenenza alla comunità e la partecipazione dei cittadini. Questa è la chiave del successo del progetto “San Salvatore in album” che ha visto tutta la cittadinanza impegnata in un percorso per “fare storia pubblica” che ha valorizzato la memoria e l’identità locale, rafforzando il legame con il territorio e incentivando i cittadini ad impegnarsi direttamente anche nella progettazione del futuro del proprio Comune, in una prospettiva di sviluppo sostenibile e valorizzazione del territorio.

Unione Nazionale Comuni ed Enti montani – Piccoli produttori alla conquista del web
“Compra in valle, la Montagna vivrà” questo lo slogan della ‘Bottega dell’Alpe’, un negozio virtuale di prodotti enogastronomici e artigianali tipici delle vallate piemontesi. I benefici del progetto sono economici e culturali. Da un lato, le piccole imprese locali possono mettere in vendita i propri prodotti, aumentando visibilità e le potenzialità di vendita. Dall’altro, le tipicità e le eccellenze territoriali ottengono visibilità e “fanno sistema”, in un’ottica di marketing territoriale.
Il progetto diventa così un concreto motore economico e di nuovo sviluppo per le aree montane, in grado di ridurre così il naturale divario digitale che ancora le rende marginali nonostante le grandi risorse ambientali e produttive che ospitano.

Università Piemonte Orientale – Il lago d’Orta monitorato a 360°
La disponibilità di dati ambientali in tempo reale costituisce uno degli aspetti più innovativi della piattaforma PITAGORA. Un progetto che prevede il coinvolgimento di stakeholders locali – associazioni di categoria e singoli cittadini – finalizzato alla raccolta dei dati e alla condivisione delle informazioni sul Lago d’Orta. In prospettiva la piattaforma potrà integrare informazioni ampie e varie, creando una base di dati utilizzabile per la promozione turistica e per il settore produttivo, per il controllo dei flussi di traffico, oltre che per il monitoraggio ambientale.

Università degli Studi di Torino – Sensori, droni e wifi tra i filari piemontesi
SIGEVI, SIstema di GEstione del comprensorio VIti-vinicolo, uno strumento innovativo di supporto alle decisioni e alla gestione delle coltivazioni vitivinicole.
La sensoristica che fornisce informazioni di tipo ambientale, le centraline meteo tradizionali e lo sviluppo di applicativi su tablet utilizzabili da tecnici e operatori permettono di costruire un sistema complesso in grado di supportare le operazioni di campo. SIGEVI permette infatti di monitorare i processi di crescita e sviluppo delle piante, verificando costantemente e in maniera capillare informazioni che permettono di creare modelli per orientare le decisioni, garantendo un migliore controllo e una produttività più elevata dal punto di vista della quantità e della qualità.

Comune di Torino – Polizia Municipale, La sicurezza urbana si fa open
FIWARE, Future Internet WARE, è la piattaforma europea utilizzata dal progetto di innovazione tecnologica della Polizia Municipale di Torino. E’ stato testato un servizio innovativo per la segnalazione di criticità legate alla Sicurezza Urbana. Il cittadino chiama il Contact Center della Polizia Municipale, che riceve la segnalazione e registra tutte le informazioni fornite in merito alla problematica percepita. L’informazione viene elaborata e integrata ai dati già disponibili nel database derivate da segnalazioni precedenti. Questi dati, nei limiti delle condizioni di utilizzo e privacy, vengono resi disponibili come Open Data.
Questa esperienza ha permesso di ragionare su come le tecnologie digitali possano cambiare le modalità e i canali attraverso cui la pubblica amministrazione e i cittadini dialogano, sviluppando forme di cittadinanza attiva.

Comunità Montana Valli Orco e Soana – Spostarsi meno per vivere meglio grazie alla banda larga
“Una migliore qualità della vita in un ambiente di qualità” questo l’obiettivo raggiunto dalla Comunità Montana Valli Orco e Soana grazie al servizio di rete a banda larga che ha dato poi l’impulso per molteplici progetti. Dal monitoraggio ambientale di punti critici nel territorio, ponti e strade, per facilitare gli interventi di protezione civile, all’efficientamento dei servizi del catasto e dei tributi online. Operazioni che in un contesto montano contribuiscono alla diminuzione degli spostamenti per i cittadini e, di conseguenza, ne aumentano notevolmente la qualità della vita.

Torna alla pagina principale con l’elenco di tutti gli eventi di Smau Torino 2015 seguiti da Triwù.


CONTATTI

Il sito web di Smau Torino 2015

In this article