Premio Smart Communities Smau Napoli 2014

Proclamati i vincitori a Smau Napoli 2014

Molti enti pubblici si sono candidati al  premio Smart Communities Smau Napoli 2014. 

Di seguito il programma della cerimonia di premiazione:

– Saluti introduttivi di Pierantonio Macola, Amministratore Delegato Smau
– Speed Pitching: le startup attive in ambito Smart Communities si sono presentate al pubblico. Ha moderato da Emil Abirascid, Startupbusiness
– “Innovazione e digitale per lo sviluppo dei territori”. Intervista a cura di Federico Pedrocchi di Radio 24 e Triwù. Ospiti: Federico Lasco, Dirigente Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica MISE – Ministero per lo Sviluppo Economico; Vito Merola, Vicario del Direttore Generale Direzione generale per l’università, la ricerca e l’innovazione Regione Campania; Giuseppe Tilia, Responsabile Progetto Agenda Digitale di Telecom Italia
– Premio “eGovernment: i Campioni del Riuso”: i finalisti e i vincitori.
I migliori progetti di eGovernment destinati al riuso realizzati dagli Enti pubblici sul territorio. E’ intervenuta Laura Vergani, Osservatorio eGovernment School of Management del Politecnico di Milano; ha consegnato i premi Luigi Gallo, Responsabile Ricerca e Innovazione Invitalia
– Premio Smart Communities: i finalisti e i vincitori.
I migliori progetti realizzati da Enti pubblici locali. Ha presentato Chiara Albicocco, giornalista di Triwù e Radio 24

Vi presentiamo i vincitori e i finalisti del Premio Smart Communities Smau Napoli 2014.

I vincitori

Città della Scienza
Il Science Centre di Città della Scienza è il primo museo scientifico interattivo italiano, visitato da circa 350.000 visitatori l’anno fino all’incendio doloso che, il 4 marzo 2013, ne ha distrutto gran parte delle aree espositive. Una parte è stata riaperta grazie alla solidarietà degli italiani, ma attualmente sono in corso le attività di ricostruzione. Da sempre, Città della Scienza è attenta all’ambiente e alla sostenibilità. Per questo tutte le attività legate alla ripartenza vengono realizzate in ottica di ‘smart city’, con l’obiettivo di costruire valorizzando le risorse energetiche, idriche e dei rifiuti.

SMA Campania
La società della Regione Campania svolge attività finalizzate alla prevenzione e al contrasto degli incendi nelle aree boschive e al risanamento ambientale. La società sta realizzando progetti volti al monitoraggio della ‘Terra dei Fuochi’, che comprendono, oltre al pattugliamento del territorio, anche la geolocalizzazione dei roghi tossici attraverso applicazioni per operatori e cittadini. Attraverso l’app (clicca qui per scaricarla) il singolo cittadino può, con un click, scattare la foto di un rogo o di una discarica abusiva e inviarla al centro operativo, che tempestivamente provvede all’invio puntuale di personale autorizzato. Inoltre, la società impiega applicazioni e supporti digitali anche per la gestione e la sicurezza dei propri operatori.

Comune di Camigliano
Il Comune di Camigliano da 10 anni porta avanti progetti e interventi volti alla raccolta dei rifiuti intelligente e alla valorizzazione delle risorse idriche, ambientali e agricole. L’amministrazione ha installato nella piazza del paese un ‘Bancomat degli imballaggi’. Ogni cittadino che conferisce bottiglie di plastica e lattine/barattoli di alluminio, riceve in cambio dei punti. Ogni 40 punti raccolti il cittadino riceverà un bonus di 1,00 €, spendibile negli esercizi commerciali di Camigliano. Uno sconto sulla tassa dei rifiuti è stato pensato anche per coloro che effettuano il compostaggio domestico.

Progetto congiunto di cinque enti: Istituto Motori del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Università di Salerno, Università di Catanzaro, Università degli Studi di Napoli Federico II e Istituto Suor Orsola Benincasa
DriveIN2 (DRIVEr Monitoring: Technologies, Methodologies and IN-vehicle INnovative systems for a safe and eco-compatible driving) è un progetto di ricerca congiunto, realizzato con la collaborazione di cinque enti di ricerca. DriveIN2 ha definito metodologie, tecnologie e soluzioni nell’ambito dell’interazione fra conducente e veicolo, per la prevenzione degli incidenti stradali e la riduzione dei consumi. Le soluzioni concepite sono state testate in ambienti di simulazione virtuale e con veicoli prototipali. Si è arrivati anche alla realizzazione di un primo veicolo prototipale SIM-Panda, una Fiat Panda guida a destra, con postazione di guida simulata a sinistra.

I finalisti

AQUASYSTEM per la Gestione Integrata del Ciclo delle Acque
Il progetto AQUASYSTEM, realizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, è rivolto alla gestione integrata del ciclo delle acque, con l’obiettivo di perseguire un uso sostenibile delle risorse idriche, ottimizzare la distribuzione idrica e i consumi energetici, monitorare e controllare la qualità dell’acqua nei sistemi acquedottistici e nelle reti di drenaggio urbano. Il progetto sviluppa procedure e tecnologie innovative che consentono una gestione efficiente delle acqua superficiali e sotterranee, l’ottimizzazione energetica e la riduzione delle perdite con conseguente contenimento dei costi e dell’impatto ambientale.

Ci.Ro: mobilità smart a Napoli
La sfida per l’ufficio Smart City del Comune di Napoli è stata quella di promuovere un sistema di trasporto a basso impatto ambientale, sviluppando intermodalità e multimodalità. I punti Ci.Ro.(City Roaming) sono stazioni multiservizi di car e van sharing, presso cui gli utenti possono prendere auto elettriche a noleggio o noleggiare van elettrici per effettuare le operazioni di carico e scarico merci. L’ufficio ha previsto una rete di 20 ciclo stazioni per il bike sarin che offrono anche wifi gratuito e totem multimediale.

ComunicaCity: tre comuni campani utilizzano l’app per comunicare con i propri cittadini
I tre comuni campani di Solofra, Paternopoli e Rocca d’Evandro utilizzano l’applicazione ‘ComunicaCity’ per dialogare con i propri cittadini. Le informazioni, reperibili attraverso l’app, sono svariate e declinabili a seconda delle esigenze delle singole amministrazioni. E’ un’applicazione che permette di comunicare con i cittadini in maniera affidabile e semplice attraverso messaggi di testo, documenti, immagini, video e push notification.

Contrassegno elettronico e firma digitale all’Università Federico II di Napoli
Il Centro Servizi Informativi di Ateneo ha messo a punto un insieme di progetti di innovazione digitale che, nel loro complesso, si propongono di modernizzare, rendere più efficiente e trasparente l’amministrazione, migliorare la qualità dei servizi erogati agli utenti e diminuirne i costi di gestione sostenuti dell’ente e dalla collettività. Tra queste, una soluzione per effettuare, in modalità automatizzata, copie e copie conformi elettroniche di documenti amministrativi sottoscritti con firma digitale e registrati nel sistema di Gestione documentale e Protocollo informatico dell’Ateneo.

Il Sistema Bibliotecario Vibonese entra nel mondo open source
Il Sistema Bibliotecario Vibonese promuove un modello di biblioteca multimediale di informazione generale che intende documentare la cultura contemporanea attraverso tutti i documenti disponibili: libri, giornali, riviste, mappe, video, cd audio, e-book, cd-rom, dvd. Per consentire l’accesso alla lettura dei numerosi abitanti della provincia, circa 160.000, in particolare dei più piccoli, il Sistema ha istituito il servizio ‘Bibliobus’ che, con frequenza settimanale, si reca nei vari paesi del territorio per la distribuzione dei volumi e per la promozione della lettura. Il sistema bibliotecario ha deciso di passare all’utilizzo di un software open source per la piattaforma gestionale del sistema che comporta diverse ricadute positive, di ordine economico e organizzativo.

PROVACI, il Progetto che sviluppa metodologie e tecniche sostenibili per la protezione sismica
Il distretto di Sviluppo Tecnologie e Ricerca per l’Edilizia Sismicamente Sicura ed ecoSostenibile (Stress S.c.ar.l.) ha come obiettivi lo sviluppo di metodologie e tecniche sostenibili per la protezione sismica e la valorizzazione degli edifici e dei siti archeologici. Il progetto PROVACI ha sviluppato interventi dimostratori sia su modelli in scala sia attraverso l’applicazione in campo delle soluzioni sviluppate. Il progetto ha lavorato su siti importanti come l’Arena di Verona, dove è stato implementato un sistema di monitoraggio attraverso sensoristica sofisticata; il monastero di Sant’Angelo d’Ocre danneggiato dal terremoto de L’Aquila, dove si sta predisponendo un progetto di messa in sicurezza e valorizzazione dell’edificio; Cerreto Sannita (BN), dove si punta alla valorizzazione del sito archeologico.

ResNovae: il cuore energetico e smart della città di Cosenza
A Cosenza, nell’ambito del progetto RES NOVAE, coordinato dal Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale dell’Università della Calabria, è stato ideato uno spazio fisico interattivo e multimediale, chiamato “Urban Lab Crea Cosenza”, che mira a ricercare, modellizzare e sperimentare su scala dimostrativa un sistema di gestione avanzata dei flussi energetici a livello municipale. La cittadinanza può interagire con la Smart City, mediante la realtà aumentata e altri dispositivi intelligenti per visualizzare informazioni real-time sull’uso di risorse energetiche efficienti. L’aspetto innovativo dell’Urban Lab è quello di estendere la discussione ben oltre l’agenda tecnologica proponendo la peer communities, sui temi delle Smart Cities, tra cittadini ed esperti.

S@ve: la comunità montana Vallo di Diano per la gestione intelligente delle emergenze ambientali
La Comunità Montana Vallo di Diano ha predisposto nell’ambito del Progetto S@VE “Protezione dell’ambiente per la gestione ed il controllo del territorio, valutazione e gestione emergenze per il comprensorio del Vallo di Diano”, una serie di servizi che mirano alla diffusione della cultura di Protezione Civile e alla predisposizione di nuovi strumenti operativi su base webGIS. La zona appartiene alla classe sismica 2 (la stessa dell’Irpinia) e presenta un elevato rischio sismico e idrogeologico. In questo contesto sono state realizzate tre applicazioni: una rivolta ai cittadini per le segnalazioni, una per la gestione delle emergenze e un’ultima per gli operatori della protezione civile per l’organizzazione degli interventi in caso di calamità.

>>>>> Per vedere i video di tutti i workshop dell’Arena Smart Communities a Smau Napoli, vai alla pagina dedicata! <<<<<


CONTATTI

Il sito web di Smau Napoli 2014

In this article