Premio Smart Communities SMAU Napoli 2015

Finalisti del premio e video dello streaming della premiazione

L’11 dicembre 2015 a Smau Napoli sono stati presentati i finalisti e i vincitori del Premio Smart Communities, destinato a valorizzare le esperienze in ambito di “città intelligenti” di Comuni ed Enti pubblici di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. TRIWU’ ha seguito l’evento in streaming, guarda il video!

I vincitori

Comune di Cosenza
Con il progetto BoCS-Art (the box of conteporary spaces) l’Amministrazione comunale di Cosenza ha dato vita ad una rete museale all’aperto. Cosenza smart city, infatti, ha creato il primo caso di housing artistico.
Cosa sono i BoCS? 27 piccole casette sostenibili, costruite con materiali naturali e dotate di comfort e pannelli fotovoltaici, abitate da artisti italiani e stranieri sul lungofiume di Cosenza. Gli artisti si alternano nelle residenze ogni 15 giorni e, in questo arco di tempo, hanno l’occasione di esporre i propri lavori al pubblico e di creare opere d’arte contemporanea da lasciare in eredità alla città. La presenza costante degli artisti permette di instaurare preziosi rapporti umani, sociali e professionali con i cittadini.
Il lungofiume, fino ad ora molto degradato, si tinge di una nuova vitalità, fatta di inclusione sociale, bellezza e dialogo.

ITAE CNR
Il progetto i-NEXT (innovation for greeN Energy and eXchange in Transportation), in ambito di smart grid e smart mobility, sostiene l’innovazione nel settore dei trasporti e nel settore della produzione energetica. A tal fine sono stati realizzati dei mezzi di trasporto ecologici (minibus elettrico ibrido e a celle a combustibile; un delivery-van elettrico e biciclette a pedalata assistita a celle a combustibile) insieme ad infrastrutture orientate all’ottimizzazione dell’interazione tra la domanda di energia, la produzione non programmabile da fonti energetiche rinnovabili e l’accumulo energetico. Gli interventi di risparmio energetico hanno coinvolto i Comuni di Capo d’Orlando e Palermo per testare i prototipi e dimostrare i risultati. Presso l’Ente Parco Valle dei Templi di Agrigento è stato redatto, invece, uno studio di fattibilità della mobilità sostenibile al fine di tutelare l’area archeologica e preservarla dal traffico intenso attualmente presente.

Università degli Studi di Messina
Ogni giorno enormi quantità di scarti ortofrutticoli vengono gettati tra i rifiuti e finiscono in discarica, con costi economici e ambientali che gravano sulla collettività. Il sistema SAVE, in linea con le direttive nazionali ed europee sull’economia circolare e la riduzione dei rifiuti, permette di coniugare un beneficio in termini ambientali con un vantaggio economico. Gli scarti della grande distribuzione e dei mercati locali sono raccolti, caratterizzati e trattati con processi innovativi (di recupero e di essiccamento) per essere utilizzati principalmente come alimento di qualità per animali, ma anche come fertilizzanti o per altri scopi industriali, con una sensibile riduzione dei rifiuti conferiti in discarica.

Centro di Biotecnologie del Cardarelli di Napoli
Il Centro di Biotecnologie del Cardarelli di Napoli è un centro di eccellenza per la formazione di medici chirurghi che vogliono specializzarsi in operazioni di microchirurgia, laparoscopia, endoscopia e neurologia.
Il centro eroga circa 50 corsi di formazione all’anno, destinati a un pubblico di medici specialisti e specializzandi che possono sperimentare nelle simulazioni in aula alcune tecnologie innovative in campo chirurgico: la tecnologia 3D, la piattaforma digitale DS Microtrainer e l’Hand Motion Analisys.
Il supporto e l’impiego in aula di tali tecnologie permette ai corsisti di perfezionare le tecniche da adottare in sala operatoria in tempi notevolmente ridotti e di verificare il livello di preparazione raggiunto nel corso delle simulazioni sulla base di metodi di valutazione oggettiva.

I finalisti

ASL Napoli 2 Nord
Il progetto dell’ASL Napoli 2 Nord grazie alla tecnologia VoIP e alla piattaforma intelligente ITEL ha ottimizzato le liste d’attesa in ambito sanitario, aumentando la velocità e la qualità dei servizi erogati, con una riduzione dei costi di spesa. Il sistema di CUP Recall consente ai cittadini di confermare o disdire le proprie visite specialistiche, riducendo le liste d’attesa. Pazienti così si sentono accompagnati nel percorso clinico e meglio assistiti. Le applicazioni della piattaforma verranno estese anche ad altri ambiti (gestione del personale, delle visite a domicilio, della guardia medica) e permetteranno di controllare in maniera automatizzata tutti i processi, consentendo di risparmiare tempo, risorse economiche e di tracciare digitalmente tutte le operazioni effettuate.

Università del Salento
Il progetto Folkture, finanziato dal MIUR, ha definito un nuovo modello di fruizione del patrimonio e degli eventi culturali nel territorio salentino. Un team interdisciplinare di giovani professionisti, provenienti dall’Università del Salento, ha ideato e sviluppato l’app ufficiale del Festival itinerante La Notte della Taranta. L’app, integrata da mappa interattiva e area social, presenta numerose funzionalità rivolte a tutti coloro che desiderano vivere il Salento in modo nuovo e partecipativo, d’estate e non solo. Il progetto ha previsto anche la realizzazione di un gioco in realtà aumentata, basato sul tradizionale tema del ‘pizzico’ della taranta, che ha rappresentato un modo innovativo e intrigante d’interazione tra utenti, di condivisione di saperi e di diffusione di elementi folklorici del territorio.

Comune di Sutera
‘Adotta un’area verde’ è un progetto di riqualificazione del verde pubblico promosso dal Comune di Sutera, per far fronte allo stato di degrado e abbandono in cui versavano le aree verdi del centro abitato.
Obiettivo del progetto è stato quello di promuovere e garantire la cura costante del verde pubblico, sensibilizzando la cittadinanza e coinvolgendo quanti più soggetti possibili – fra enti, associazioni, esercizi commerciali e singoli cittadini – nella manutenzione diretta delle aree destinate a verde pubblico.
Il progetto ha permesso la riqualificazione di tutte le aree verdi ad uso pubblico del centro, con un risparmio per le casse del comune quantificabile in 40.000 euro annui, pari al costo di due operai specializzati impiegati a tempo pieno.

ABC Napoli
L’Azienda Speciale Acqua Bene di Napoli in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli Federico II e di IBM ha realizzato nel quartiere Soccavo di Napoli un progetto di smart metering dedicato all’acqua, equipaggiando tutte le 5.000 utenze del quartiere con contatori intelligenti – gli Smart Meters – in grado di rilevare il consumo esatto di acqua erogato dalla rete.
La dotazione di tutte le utenze con i nuovi contatori è parte di un progetto più ampio, denominato WaterGRID, che intende individuare e sviluppare sistemi di gestione innovativa delle reti idriche urbane per minimizzare le perdite di carico. L’idea alla base del progetto sviluppato da ABC Napoli è di individuare e controllare le perdite di carico della rete idrica attraverso la tecnica della distrettualizzazione, che consiste nella creazione di aree di distribuzione fra loro disconnesse, alimentate da un numero ristretto di punti di immissione, allo scopo di garantire un sistema efficace di controllo, gestione e regolazione della rete.

IBAM CNR di Catania
L’IBAM, Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali di Catania, ha realizzato un living Lab nel centro della citta, ovvero uno spazio di 60 m² utilizzato per valorizzazione il patrimonio culturale cittadino, attraverso l’utilizzo di prodotti multimediali e servizi smart per il turismo, come ricostruzioni 3D, gallerie immersive, sistemi informativi territoriali e tecnologie open source integrate a nuove forme di narrazione emozionale e didattica (storytelling adattivo). All’interno delle due sale, il visitatore è fruitore attivo di nuove modalità di esplorazione del contesto culturale urbano. Visitatori, turisti e studenti possono utilizzare, mediante i grandi schermi touch a disposizione, una mappa interattiva geolocalizzata della città ed effettuare una visita guidata virtuale del centro storico, indagando i 300 punti di interesse organizzati per categorie.

Comune di Reggio Calabria
ReActionCity è un progetto di innovazione sociale urbana per la città metropolitana di Reggio Calabria, sperimentazione del metodo ‘The laboratory-city’, promosso dall’associazione Pensando Meridiano.
L’iniziativa nasce come progetto pilota nel giugno 2014, con l’intenzione di immaginare visioni e strategie di coesione sociale e sviluppo urbano connessi alle comunità che abitano i luoghi, i paesaggi ed i territori della città metropolitana di Reggio Calabria, e promuovere una reazione “dal basso” attraverso progetti locali in aree da rigenerare e riattivare. In particolare, sono state avviate pratiche di riscatto civile ed urbano dei beni sequestrati alle mafie, con la realizzazione di un laboratorio sartoriale di una cooperativa sociale di donne.

ENEA di Portici
I progetti MONICA (MONitoraggio Intelligente e Cooperativo dell’Aria) e SIMONA (Sistema Integrato per il MONitoraggio delle Acque) dell’ENEA nascono per tenere sotto controllo la qualità atmosferica e delle acque reflue. I due progetti sfruttano gli Smart Cyber Physical System: sistemi informatici che, attraverso differenti sensori, sono in grado di interagire con l’ambiente, di elaborare i dati registrati e di inviarli a un server centrale. Questi sensori possono essere installati sul territorio o in prossimità dei punti critici della rete idrica, ma anche montati su oggetti di piccole dimensioni da attaccare a uno zaino o sul manubrio della bicicletta affinché funzionino come una vera e propria stazione mobile di analisi della qualità dell’aria.

Comune di Castrovillari
‘Attraversando Natura’ è un progetto di marketing territoriale per la valorizzazione turistica e commerciale della Città di Castrovillari (CS) e del suo comprensorio, rappresentato da 18 Comuni limitrofi e dall’Area del Parco del Pollino. Il progetto ha previsto la realizzazione di un portale online, attualmente in fase di test, fruibile sia in italiano sia in inglese. Sono stati inoltre realizzati una serie di contenuti multimediali: video promozionali, tour virtuali, mappa interattiva, app, totem touchscreen e tag QR code).
Inoltre, sono stati caricati sul portale 30 rendering in 3D dei reperti archeologici più significativi custoditi nel Museo Archeologico, che possono così essere visitati anche in formato digitale.
Il progetto ha così consentito di valorizzare le realtà di natura turistica e commerciale della città e del comprensorio, migliorando la fruizione da parte degli utenti e dei turisti.

Istituto Statale per l’Istruzione Superiore
L’ISIS Europ’ di Pomigliano d’Arco è impegnato in un processo di profonda revisione in materia di progettazione e realizzazione della didattica e delle modalità di fruizione scolastica, sia da parte degli studenti sia da parte del corpo docente. Nell’ambito di questo ripensamento, ha realizzato una piattaforma Europa Digital School, un ambiente di apprendimento innovativo che si configura come un portale online, grazie al quale alunni e insegnanti dell’Istituto possono avere sempre a portata di mano libri di testo, compiti e tutto il materiale didattico e informativo utile per rimanere sempre connessi con le classi e i gruppi di studio. La piattaforma, inoltre, permette la diffusione di circolari e la condivisione di comunicazioni tra docenti, genitori e studenti.

Asl di Taranto
L’Azienda ha avviato un percorso di analisi delle esigenze di comunicazione in sanità e di definizione di un modello regionale integrato per lo sviluppo organizzativo e realizzativo dell’informazione e comunicazione istituzionale e dei diversi servizi digitali rivolti ai cittadini.
In questo contesto, il progetto Sm@rtHealth gode dell’appoggio dell’Agenzia Regionale Sanitaria di Puglia in quanto intercetta l’esigenza di realizzare interventi finalizzati al miglioramento e all’ottimizzazione della gestione delle liste di attesa. I risultati sin qui registrati dal 2014 sono incoraggianti: ad oggi, sono state recuperate 29.652 prestazioni e, a fronte di un investimento annuo di 70.777 di euro, c’è un ritorno di circa 1.000.000 di euro in termine di riduzione degli sprechi e di recupero della produttività delle strutture sanitarie.

Torna alla pagina principale con l’elenco di tutti gli eventi di Smau Napoli 2015 seguiti da TRIWU’.


CONTATTI

Il sito web di Smau Napoli 2015

In this article