Prima Industrie, non solo laser ma anche innovazione

Dai laser alle stampanti 3D, il principio di Prime Industrie è innovare e crescere insieme ai talenti che si riescono ad attrarre. Ne abbiamo parlato insieme all’Innovation Manager Paolo Calefati

Il core business di Prima Industrie che si concentra nello sviluppo, produzione e commercializzazione di sistemi laser e applicativi correlati sta crescendo molto e velocemente.

Paolo Calefati, Innovation Manager di Prima Industrie, che abbiamo incontrato al 4T – Tech Transfer Think Thank  organizzato da Jacobacci & Partners al Politecnico di Torino, ci ha spiegato come stiano allargando il loro business alle stampanti 3D e come riescano a trattenere i talenti in azienda.

Finalmente, infatti, la manifattura additiva sembra essere uscita dalla fase pionieristica: poter gestire leghe metalliche permette la realizzazione di pezzi per l’industria automobilistica e aerospaziale e questo sta cambiando radicalmente l’utilizzo in ambito manifatturiero della stampa 3D.

Riguardo all’attrattività verso le nuove generazioni, Prima Industrie è radicata sul territorio, con partnership strategiche con PMI e start up e i collaboratori sono spinti a partecipare a corsi professionalizzanti costruiti con il Politecnico di Torino. Inoltre i lavoratori sono coinvolti in un contesto tecnologico performante, all’avanguardia e quindi molto stimolante.

Nell’intervista Calefati sottolinea la grande attenzione di Prima Industrie ai nuovi business, ma soprattutto ai nuovi modelli di business lasciando intendere che tutto sta cambiando molto velocemente. Non è ancora nei progetti, ma tra le righe si legge l’ipotesi che un passaggio verso forme di pay per use in alcuni settori legato alla stampa 3D .

Di seguito la presentazione che Calefati ha tenuto al 4T.


CONTATTI

Prime Industrie

In this article