Ricerca automobilistica e formazione internazionale

Intervista ad Alessandro Capra del dipartimento Enzo Ferrari dell’Università di Modena e Reggio Emillia

Al Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari dell’Università di Modena e Reggio Emilia si fa ricerca in campo automobilistico. Uno degli studi più avanzati, condotto con un finanziamento Ferrari – gruppo Fiat, riguarda l’analisi dello stato del guidatore. L’obiettivo è realizzare un’auto che possa monitorare le condizioni psicofisiche del pilota e decidere di intervenire qualora si presentino situazioni critiche. È un problema ancora aperto, molte case sono impegnate a risolverlo, ma non esistono ancora dispositivi sul mercato.
Il sistema prevede una serie di sensori per misurare parametri fisiologici – dilatazione pupilla, sudorazione, spostamento del peso – e integrarli con quelli meccanici – velocità, uso del cambio – per determinare in tempo reale lo stato del guidatore. Il problema è la rilevanza statistica della risposta: il sistema deve essere a prova di errore e calibrato sul singolo guidatore.
Al dipartimento non si fa solo ricerca, ma anche formazione di alto livello. È attivo un master sul progetto del motore, aperto a studenti di tutto il mondo. L’obiettivo è collegare ricerca e formazione e attivare al tempo stesso un processo di internazionalizzazione.

Alla Borsa della Ricerca, Bologna 2013, Intervista ad Alessandro Capra, dell’ Università di Modena e Reggio Emilia


CONTATTI

Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari
Università di Modena e Reggio Emilia
sito web

In this article