Rifiuti smart, dagli ospedali all’alta montagna, nuovi modelli di smaltimento

L’ospedale San Luigi di Orbassano ricicla i rifiuti sanitari e la Fondazione Montagna Sicura studia innovativi metodi per gestire gli scarti in quota

Workshop a Smau Torino 2014
Intervengono:
Carlo Picco, Direttore Sanitario Aziendale dell’Ospedale San Luigi di Orbassano
Stefania Specchia, Professore associato di impianti chimici del Politecnico di Torino
Mattia Piccardi, referente del Progetto ALCOTRA di Fondazione Montagna Sicura
Roger Tonetti, Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Autonoma Valle d’Aosta

Modera Chiara Albicocco – Giornalista di scienza, Radio 24 – Il Sole 24 Ore e Triwù

L’ospedale San Luigi di Orbassano ha avviato un progetto volto allo smaltimento e alla valorizzazione di rifiuti ospedalieri che, opportunamente trattati, si possono trasformare in nuove fonti di combustibile non fossile a km zero. In partnership con il Politecnico di Torino e Fotorecuperi, un operatore privato del settore rifiuti, la sperimentazione nasce, all’interno dell’azienda ospedaliera, per individuare un nuovo modello di gestione e valorizzazione dei rifiuti sanitari pericolosi. Si stima che con l’introduzione del nuovo sistema la gestione dei rifiuti costerà circa 15-30% in meno. Possiamo parlare di rifiuti smart..

Il progetto ALCOTRA di Fondazione Montagna Sicura è volto ad applicare strumenti comuni per la gestione sostenibile delle strutture ricettive in quota e propone soluzioni specifiche ai problemi di trattamento delle acque, di smaltimento del ciclo rifiuti e di efficienza energetica. Il progetto ha come obiettivo realizzazione di due installazioni sperimentali di trattamento di reflui e delle acque di scarico in quota (Rifugio Guide del Cervino 3480m, Plateau Rosa – Cervinia Valtournenche; Caseremetta Espace Mont-Blanc 2365m, Col de La Seigne – Courmayeur). Anche in questo caso possiamo parlare di rifiuti smart…

Torna alla pagina principale con l’elenco di tutti gli eventi di Smau Torino 2014 seguiti da TRIWU’.


CONTATTI

Fondazione Montagna Sicura

In this article