Soluzioni innovative per la scuola

Workshop su Smart education a Smau Bologna 2014.

Intervengono:
Emanuele Dattoli, Istituto degli Innocenti di Firenze
Sergio Gambacorta, Program Manager Smart City di Vodafone

Modera:
Chiara Albicocco, Giornalista di scienza, Radio 24 – Il Sole 24 Ore e TRIWU’

La promozione della cultura dell’innovazione non può prescindere dall’adeguamento delle infrastrutture didattiche e dall’introduzione nei programmi di strumenti innovativi.
Vodafone ha sviluppato un’offerta integrata e modulare che risponda ai requisiti del Piano Nazionale Scuola Digitale per ridurre il Digital Divide, favorire la digitalizzazione degli strumenti didattici e contribuire alla dematerializzazione dei processi interni agli istituti. In particolare, sono state sviluppate soluzioni di comunicazione e collaborazione innovative, per supportare la digitalizzazione dell’istituto e il remote learning per studenti di ogni età: video-lezioni con condivisione di documenti e incontri con partecipanti/studenti connessi da remoto.
Il progetto prevede lo sviluppo di chat, calendari e rubriche sincronizzate e condivise per garantire maggior efficienza nei processi interni ed esterni alla scuola e all’università.
Il progetto può essere modulare e comporsi di varie soluzioni applicative multipiattaforma come, per esempio, il registro digitale o il sussidiario/dispensa interattivo, dove studiare, rispondere a test e prendere appunti. Per garantire un’interfaccia tecnologica a docenti e studenti, Vodafone ha previsto l’impiego di tablet di ultima generazione, con un piano dati incluso per garantire una connessione internet veloce anche in caso di limitata copertura wi-fi negli istituti.
Interverrà il Professor Dattoli dell’Istituto degli Innocenti di Firenze per condividere il suo punto di vista sull’importanza della formazione nell’abilitare le classi digitali e sull’importanza della sicurezza a scuola.

Tutti gli workshop di SMAU Bologna!


CONTATTI

Sergio Gambacorta, Program Manager Smart Cities di Vodafone

Emanuele Dattoli, Istituto degli Innocenti di Firenze

In this article