Start up e PMI: come accedere a credito e finanziamenti per R&D

Con Isabella Castiglioni e Riccardo Roggeri, Ceo di Techinnova alla scoperta degli strumenti pensati per finanziare ricerca e sviluppo in pmi e start up

La ricerca di finanziamenti per progetti di ricerca e sviluppo è una questione piuttosto delicata, soprattutto per start up e pmi. Ci sono diversi strumenti che vanno da bandi che prevedono finanziamenti a credito agevolato o a fondo perduto (dal 10 al 70% a seconda dei casi), altri che prevedono agevolazioni sul credito di imposta per la ricerca e sull’equity crowdfunding, e non ultimo credito bancario sfruttando la garanzia del medio credito centrale

Complessivamente, secondo Riccardo Roggeri, Ceo di Techinnova, intervistato da Isabella Castiglioni, una start up nel suo primo anno può ottenere fino a 150mila Euro, mentre una volta strutturatasi, già dal secondo anno può raggiungere i 2milioni.

Riccardo Roggeri dà anche consigli ed elenca una serie di pratiche burocratiche necessarie per poter ottenere certi risultati: avere una persona almeno parzialmente dedicata alla ricerca dei bandi, alla loro comprensione e nel caso, alla scrittura; avere un team aperto e dialogante, ben equilibrato anche nella gestione delle risorse e infine, oltre alla sostenibilità economica, aver idoneamente espletato tutta una serie di obblighi nei confronti di Stato, dipendenti, ed enti previdenziali.


CONTATTI
In this article