Cosa c’entra la data science con un gigante dell’acciaio? Molto più di quanto pensiate. Ce lo spiega Vincenzo Manzoni, Data Science Director di Tenaris

Se i dati sono il petrolio del futuro, i big data sono l’oro del futuro: una frase che si sente sempre più spesso. Indubbiamente il loro potenziale è infinito nella raccolta di informazioni e nella manutenzione predittiva, oltre che – naturalmente – nel campo del marketing. E la data science, la disciplina che si occupa di gestire, analizzare e sfruttare questa massa di dati, è all’apice della sua popolarità.

Ma se vi dicessimo che, anche nelle acciaierie, questi dati sono trattati in modo specifico come un bene preziosissimo?
Ebbene sì, anche nella produzione di tubi il dipartimento di data science ha un ruolo molto importante.

Ne abbiamo parlato all’interno di SPS IPC Drives Italia di Messe Frankfurt a Kilometro Rossopreludio della fiera annuale dell’automazione nel contesto del polo fieristico parmense.SPS_assiot

Il nostro intervistato è un esperto del settore: Vincenzo Manzoni è infatti il Data Science Director di Tenaris, leader mondiale della produzione di tubi in acciaio.

Nella videointervista potete scoprire perché i big data siano entrati in massa nelle acciaierie.

E per vedere le altre interviste fatte a Kilometro Rosso, clicca qui!


CONTATTI

Tenaris

Sps Italia

Messe Frankfurt

Kilometro Rosso

 

In this article