Cloud, la nuvola dei dati. Intervista a Roberto Siagri

Le potenzialità del cloud computing per aziende ed enti pubblici secondo Eurotech

Cloud, ovvero nuvola. Non quella dei temporali e dei fulmini ma quella vaporosa, bianca, che in una giornata di sole galleggia nel cielo azzurro e sorvola i territori. È questa l’immagine che dobbiamo richiamare per interpretare la “nuvola”, il Cloud, di cui si sta parlando sempre più negli ultimi tempi: usare Internet come un immensa macchina diffusa che accoglie senza limite dati, collega tutte le macchine che vogliamo, ovvero tutti i computer, e quindi trasferisce online tutti quei servizi che, finora, erano accessibili solo con centri dati proprietari e a costi elevati. Cloud, quindi, vuol dire rendere disponibile a una grandissima platea di piccole aziende e di enti vari – le amministrazioni pubbliche, per esempio – una messa in campo di servizi verso il pubblico, di strumenti gestionali e di analisi di processi (traffico, inquinamento, logistica) altrimenti non praticabili.
Eurotech
è una multinazionale italiana che da anni opera nel campo delle strumentazioni informatiche per applicazioni complesse, e oggi sta lavorando su soluzioni Cloud – perché, attenzione, se le cose si fanno semplici per chi deve utilizzare la nuvola, chi lavora nel metterla a disposizione deve maneggiare tecnologia sofisticata.
Con Roberto Siagri, amministratore delegato di Eurotech, abbiamo tracciato un quadro di come funziona questo nuovo potente strumento, anche giocando con automobiline elettriche e macchine per le bibite…

Contatti:

Eurotech
Sito

 

In this article