Big Data, Communities and Ethical Resilience: A Framework for Action

Costruire una Comunità resiliente con Big data e nuove tecnologie

Nell’agosto del 2013 un gruppo multidisciplinare si è riunito alla Fondazione Rockfeller del Bellagio Center per affrontare il tema: La resilienza della Comunità attraverso tecnologie e Big data.
Pensatori creativi e critici sono stati selezionati dai più diversi settori: arti, tecnologia, sfera umanitaria ed ambientalista. Nei dieci giorni di lavoro si è cercato di capire come i dati potrebbero essere utilizzati per costruire la resilienza della comunità fronteggiando una serie di stress ambientali, politici, sociali ed economici. L’analisi dei Big data può supportare le comunità dando immediate restituzioni sulle azioni compiute. Tuttavia, la raccolta e l’utilizzo di dati può anche aprire il varco a nuove vulnerabilità e nuovi rischi, sviluppando nuove forme di discriminazione, creando dipendenza da infrastrutture centralizzate che possono aumentare la vulnerabilità del sistema. Dopo aver analizzato rischi e opportunità è stata sviluppata una cornice per aiutare e guidare l’uso effettivo dei dati per la costruzione di comunità resilienti. È stata proposta una cornice fondata su sei pilastri: etica, governance, scienza, tecnologia, contesto locale e socioculturale. Considerando questi sei settori le organizzazioni possono proteggersi prevenendo il fallimento dei loro progetti piuttosto che analizzarli retrospettivamente.

Scarica il libro bianco

A cura di Kate Crawford, Gustavo Faleiros, Amy Luers,Patrick Meier, Claudia Perlich and Jer Thorp


CONTATTI

Fondazione Rockfeller

In this article