big-data-featured

Utilizzare con cura i dati: un vantaggio per azienda e cliente. Ne ha parlato Camillo Moratti di Talend al Netcomm Forum 2018

Oggi l’economia è profondamente trasformata dall’esplosione dei big data, che sono la base da cui ogni business deve partire. Il loro utilizzo non è più solo una questione di scelta ma un vantaggio per le aziende che possono così essere competitive e vincenti, generandoli, raccogliendoli, immagazzinandoli e sfruttandoli. La tecnologia aiuta a processare questa enorme quantità di dati e l’obiettivo è quello di estrarre valore da essi.

Talend è un’azienda statunitense fondata nel 2005 con oltre 750 dipendenti e oggi collabora con le aziende più data driven al mondo. Il Netcomm forum 2018, che si è tenuto a Milano il 30 e 31 maggio, è stata l’occasione per raccontare in concreto la loro attività. IMG_3866-01-06-18-03-05A parlare è Camillo Moratti, key account executive. Talend aiuta le aziende a operare sui dati rendendoli più accessibili, migliorandone la qualità e trasferendoli rapidamente dove servono per prendere decisioni in tempo reale.

È un’azienda generatrice di codici. Sviluppa logiche di trasformazione del dato traducendole in un codice; queste vengono poi eseguite dalle diverse piattaforme. Un ruolo fondamentale è giocato dalla community di oltre tre milioni di utenti che utilizzano la loro piattaforma open source. Per poter gestire un enorme flusso di dati è dunque fondamentale un approccio che riesca a stare al passo con il loro continuo aumento.

La metà di questi ha problemi di qualità, risultando inutilizzabili per qualsiasi applicazione ma soprattutto per il business dell’azienda. Tra il 60 e l’80% delle risorse viene impiegato per prepararli e raccoglierli, senza però poi dedicarsi alla parte di maggiore rilevanza per l’azienda, quella in cui questi dati generano valore.
Più della metà dei dati. inoltre, non è accessibile e utilizzabile. Questo si traduce in uno svantaggio competitivo perché il dato di ieri, oggi, è già vecchio. Questo è a tutti gli effetti un approccio legato a una logica economica poco efficiente.

Sono molti gli esempi di aziende che collaborano con Talend. Tra queste General Electrics che ha ridotto i costi con la manutenzione predittiva dei loro macchinari, che inviano dati in tempo reale; Air France è invece riuscita a fornire una customer experience innovativa, andando a collegare tutti i touch point dell’esperienza dell’utente; ultima a essere citata è Lenovo, che grazie alla raccolta dati dei loro clienti, oltre che a quelli del marketing, è riuscita a incrementare del 10% le vendite.

Insomma, essere data driven non è davvero più una scelta, ma è un obbligo che avvantaggia tutti – aziende e clienti.


CONTATTI

Talend

Netcomm Forum

In this article