Pandemia: le conseguenze della crisi nel Mediterraneo, il report del CNR

Mediterranean-economies-2020-500

Appuntamento online il 5 marzo ore 10.00 per la presentazione del  Mediterranean Economies 2020 a cura dell’Istituto di studi sul Mediterraneo del Cnr

Le conseguenze geopolitiche, sociali ed economiche della pandemia di COVID-19 nell’area mediterranea sono al centro del Mediterranean Economies 2020 (ME20), la versione internazionale del Rapporto sulle economie del Mediterraneo (REM) curato dall’Istituto di studi sul Mediterraneo del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli (Cnr-Ismed) ed edito da Il Mulino.

Il Rapporto sarà presentato il 5 marzo a Napoli, dalle ore 10.00 alle 12.00, da remoto con diretta Facebook sulla pagina Ismed @CNR.ISMed. All’evento prenderanno parte il professore di economia dell’università di Tor Vergata Giovanni Tria, il professore di economia dell’Università degli Studi di Roma Sapienza Claudio De Vincenti, il direttore del Dipartimento scienze umane e sociali, patrimonio culturale del Cnr Gilberto Corbellini. I giornalisti e il pubblico partecipante al dibattito finale potranno accedere alla piattaforma Zoom QUI!

“La pandemia ha confermato che la mobilità e il commercio internazionale sono cruciali per sostenere la crescita in molti Paesi, in particolare nelle piccole economie aperte. In questo senso le economie mediterranee si sono dimostrate particolarmente vulnerabili alle limitazioni del commercio internazionale e dei movimenti di capitali e persone, e una crisi prolungata rischia di avere gravi conseguenze economiche, sociali e politiche, con effetti destabilizzanti nelle aree più deboli”, spiega Salvatore Capasso, curatore del volume e direttore Cnr-Ismed.

Quali saranno quindi i settori più colpiti, quali conseguenze porterà l’attuale crisi e quali strumenti possiamo mettere in campo per fronteggiarla? I dati della ricerca faranno luce su queste domande.

Per maggiori info e visionare il programma dell’incontro clicca QUI!

In this article