Prospettive e opportunità nella grande crisi

Aldo Bonomi di AASTER, intervenuto alla “Giornata dell’economia” promossa dalla Camera di Commercio di Lecco, analizza lo stato dell’economia del Paese e in particolare del lecchese

Per affrontare la crisi bisogna capirne i confini e gli estremi, cogliere i cambiamenti a cui obbliga l’intera società in tutti i suoi aspetti. Partiti, imprese, sindacati, banche e istituzioni, nel loro complesso, sono costretti a cambiare per competere e per sopravvivere. Ci sono imprese e realtà, anche nel lecchese, che già lo fanno, che sono riuscite a inserirsi nel flusso vincente.
La sfida da vincere è quella di riuscire a trascinare nella spirale positiva tutte le realtà imprenditoriali, anche quelle più tradizionali e rigide. Importante in questo senso il ruolo delle banche, che devono ricollocarsi sul territorio, devono tornare a porsi come interlocutori proattivi, forse  abbandonando un po’ di finanza e riavvicinandosi all'”economia reale”.
Ecco l’intervista di Daniele Bettini ad Aldo Bonomi, Sociologo, Fondatore dell’Istituto di Ricerca Aaster e componente del Comitato di valutazione dei progetti di Padiglione Italia – Expo 2015.


CONTATTI:

Eco smart land
Aaster

In this article