Quando i beni culturali vanno in Rete

Dalla Mida di Bergamo un software e una serie di prodotti web-oriented in grado di valorizzare il patrimonio artistico

L’applicazione delle tecnologie informatiche ai Beni Culturali non è sicuramente un fatto nuovo anche se l’avvento di internet ha provocato dei cambiamenti significativi, permettendo di rispondere a problematiche sempre più complesse di promozione e valorizzazione.
Sergio Bellini presenta il software e i prodotti targati Arthub della Mida di Brescia,  nati per integrare dati derivanti da fonti eterogenee legate ai beni culturali, agli archivi o alle biblioteche, per gestire e conservare a lungo termine le informazioni digitali (digital assets), per proporre un innovativo paradigma di fruizione del patrimonio culturale. Le informazioni e i dati provenienti da fonti diverse sono infatti tra loro legate da rimandi e collegamenti, che consentono un approccio trasversale alla conoscenza di un bene o di un archivio.

Ultimo punto, non banale, è la convinzione che sia importante offrire agli utenti la possibilità di fruire via web di riproduzioni ad altissima risoluzione di opere d’arte, come validi surrogati alla visione dal vivo di un’opera.
L’approccio del progetto è stato quello di puntare a un’aggregazione significativa delle informazioni: sopra il dato archivistico, storico-artistico o bibliografico “puro”, apprezzabile solo da un’utenza estremamente specializzata, è stato definito un modello semantico di alto livello, basato su concetti astratti comuni all’intero dominio applicativo dei beni culturali e facilmente comprensibili e trattabili.
Nella sostanza si tratta di un pacchetto software studiato per incrociare dati e informazioni di banche dati diverse, per dare la possibilità di vedere on line opere d’arte a grandezza reale. E’ un software che può essere nella disponibilità di tutte le istituzioni, fondazioni e più in generale enti che abbiano a che fare con la cultura e l’arte e che vogliano non solamente digitalizzare il loro patrimonio, ma conservarlo e valorizzarlo.

Lombardia che innova
Innovazione e competitività in Lombardia, il Programma Operativo Regionale

 


CONTATTI

Mida Informatica

In this article