Inquinamento: sensori low cost per registrare più dati

Un sistema che permette di incrementare il numero di dati sulla distribuzione dell’inquinamento ambientale per migliorare la gestione del problema

L’inquinamento ambientale, abitualmente, viene caratterizzato in zone ristrette che sono rappresentative dell’area o della città che si vuole monitorare. Non vengono fatte rilevazioni a più ampio spettro per ragioni di costo, sarebbe infatti troppo dispendioso distribuire gli strumenti certificati utilizzati per questo tipo di analisi su grandi porzioni di territorio.

Per incrementare il numero di informazioni, quindi, l’Istituto per la BioEconomia del CNR, in collaborazione con le Arpa, raccoglie un insieme complementare di dati, a maggior risoluzione spaziale e temporale, andando a distribuire reti dense di sensori low cost, che possono fornire un’indicazione di come l’inquinamento si distribuisce nello spazio e anche nel tempo a frequenze più elevate di altri tipi di misure.

Per approfondire il tema, abbiamo intervistato Federico Carotenuto dell’Istituto per la BioEconomia del CNR. Guarda il video!

Per conoscere altri progetti innovativi presentati nella giornata di Toscana Ricerche, CLICCA QUI!


CONTATTI

Istituto per la BioEconomia del CNR

In this article