Stalla 2.0: collari smart per monitorare la salute delle vacche

Registrano la ruminazione e l’attività motoria degli animali e comunicano le anomalie all’allevatore

Nelle fattorie di oggi è aumentata l’attenzione al benessere degli animali e, in particolare, a quello delle vacche da latte. La loro salute è garantita anche grazie alla tecnologia.
È il caso dell’Azienda Agricola Baronchelli, in provincia di Lodi, che ha adottato un sistema di controllo molto particolare. Si tratta di un collare – sviluppato dalla società israeliana SCR e commercializzato in Italia da Sivam – chiamato Heatime HR, che monitora le attività della vacca.

Il dispositivo è dotato di un registratore e di un sensore di movimento che misurano rispettivamente la ruminazione e l’attività motoria degli animali. Questi parametri permettono di verificare, per esempio, se le vacche, dopo il parto, riprendano ad alimentarsi correttamente, e, in caso contrario, consentono all’allevatore di intervenire tempestivamente. I dati di ogni esemplare vengono immagazzinati in un database e sono consultabili tramite una centralina dotata di schermo touch: una specie di cruscotto, generalmente posizionato nella centrale operativa dell’azienda agricola, che fornisce tutte le informazioni rilevate e che lampeggia, lanciando l’allarme, quando si manifestano delle anomalie.

L’allevatore viene così informato in tempo reale, ventiquattro ore su ventiquattro, sullo stato di salute delle vacche. Non solo: tramite un’applicazione per tablet e smartphone, può visualizzare anche a distanza tutti i dati raccolti dal sistema e ricevere i segnali di allerta.

Chiara Albicocco ha intervistato Piero Pasquale, product manager di Heatime HR, e Monica Miravalle, medico veterinario.

Guarda il video realizzato da TRIWU’, web TV dedicata alla tecnologia e alla innovazione! 

In this article