Start2B: le start up si mettono alla prova

A Bologna durante Research to Business un tavolo d’affari per start up e possibili clienti

Una due giorni di incontri d’affari tra start up e possibili clienti: Start2B, Startup to Business, è l’iniziativa organizzata da ASTER all’interno di R2B, Research to Business, in occasione di Smau Bologna 2012. Duecentoquarantatre incontri tra venticinque start up e venticinque “big”: aziende consolidate nella maggior parte dei casi, ma anche soggetti della pubblica amministrazione e altri soggetti potenzialmente interessati alle proposte delle giovani aziende.
“La considerazione di base è che, almeno in fase iniziale, le start up sono di solito sbilanciate sulle competenze tecniche e meno preparate sul fronte commerciale” spiega Sara Monesi, di ASTER. L’obiettivo era metterle in condizione di presentarsi al meglio a un mercato anche non di specialisti del singolo settore, ma di possibili acquirenti.
“In questo momento forse più che in altri c’è un gran bisogno di idee nuove, di innovazione, c’è bisogno di soluzioni differenti” sostiene Pierluigi Cassani, di Strategic & Partners, che ha contribuito a formare la squadra dei big.
Per sapere com’è andata, abbiamo intervistato due dei protagonisti: Matteo Vettori della startup e-FEM, che propone simulazione numerica di processi fisici su sistemi tridimensionali e il potenziale acquirente Gino Romiti, di Loccioni, che offre sistemi personalizzati per la misura e il collaudo.

In this article