Zero Waste

Si allarga in Europa la rete dei movimenti per la riduzione dei rifiuti

Nuovo arrivato il movimento Zero Waste France, affiliazione nazionale dell’alleanza Zero Waste Europe. E’ stato lanciato a Bobigny all’inizio di febbraio, con un convegno fortemente e positivamente segnato dall’esperienza italiana.
Tra i relatori Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Europe e promotore dell’esperienza pilota del Comune di Capannori (LU), Enzo Favoino  della Scuola Agraria di Monza, in qualità di presidente del Comitato Scientifico di Zero Waste Europe, Joan Marc Simon, coordinatore di Zero Waste Europe.
I comuni italiani che hanno accettato la sfida di Rifiuti Zero sono 202, e coinvolgono circa  4.250.000 abitanti. I comuni aderenti a RZ sono suddivisi in tre fasce: verde, per i comuni coerentemente lanciati verso l’azzeramento dei rifiuti, fascia gialla per quelli che comunque stanno marciando e fascia rossa per quelli statici che rischiano la cancellazione.
L’adesione a RZ avviene attorno ad un protocollo disciplinare (la delibera) che dev’essere sostanzialmente rispettato ed attuato pur nella consapevolezza di difficoltà da non sottovalutare.

Il processo è lungo, ma sta dando dei risultati: a Bobigny è stato citato il caso di Milano, che sta per diventare la città più grande del mondo ad avere introdotto presso tutte le utenze la raccolta differenziata della frazione umida, ma anche l’esperienza di Capannori continua a destare interesse. Dopo che è stato aperto un McDonald in città, il Centro Ricerca RW  di Capannori ha incontrato i responsabili della multinazionale. Dagli incontri è emerso l’impegno non solo ad ottimizzare le raccolte differenziate visionando il kit dei materiali usati e le indagini merceologiche degli scarti dei punti di ristorazione Mc Donald ma anche prevedendo “casi studio” per ridurre a monte i rifiuti. Si può quindi parlare dell’avvio di  un percorso di Responsabilità Estesa del Produttore, che potrà avere positive ricadute in molte altre città italiane.

Info: www.zerowasteeurope.eu

In this article